Digital Marketing Marketing e-commerce

WhatsApp business: nuovi strumenti per le aziende

È davvero arrivato il momento di aprire un account WhatsApp Business: il cliente da remoto vuole avere maggiori contatti con l’azienda, e soprattutto feedback diretti quando si tratta di vendita online. Per questo motivo Facebook vuole dare modo anche alle piccole realtà di “aprire” un’attività su WhatsApp. Scopriamo insieme come.

Federica Fasoli

Pubblicato il 12 Febbraio 2021
5 min e 54 sec

Aziende, tenetevi pronte, arrivano gli acquisti in app su WhatsApp Business! Proprio così, un semplice bottone “Shopping” a forma di negozio compare sull’app business di WhatsApp per offrire alle aziende un modo facile ed immediato di connettersi con i propri clienti, far sfogliare il catalogo prodotti e acquistare in chat, direttamente. E viceversa crea per gli utenti un canale preferenziale.

È chiara l’intenzione di Zuckerberg di voler agevolare la ripresa di aziende e brand in un periodo delicato come il post-covid, ma è altrettanto chiara la volontà di entrare nel mondo ecommerce con una piattaforma di instant messaging.

WhatsApp Business, attivo dal 2018, oggi con 50 milioni di utenti business e 175 milioni di persone che inviano messaggi ad un account aziendale ogni giorno, e 40 milioni che visualizzano il catalogo ogni mese in tutto il mondo, introduce feature davvero interessanti per chi non ha ancora un negozio online e vuole averne uno, ma anche per chi possiede già un ecommerce e vuole potenziare la rete di vendita.

E oggi siamo qui per scoprirle tutte.

 

Shopping nelle chat Whatsapp: con gli acquisti in app e le altre feature si può

WhatsApp business: nuovi strumenti per le aziende

La digital transformation ha subìto un’accelerata pazzesca per via della pandemia, e questo ha portato molte aziende e brand a dover fare i conti con la necessità di reinventarsi; soprattutto i business locali i quali hanno dovuto potenziare l’attività online e trovare modi alternativi per interagire con le persone (clienti, non clienti e lead) e vendere velocemente.

In questo scenario la customer experience assume un ruolo determinante poiché il cliente da remoto vuole avere maggiori contatti con l’azienda, e soprattutto feedback diretti quando si tratta di vendita online. Chi ha l’abitudine di acquistare in negozi fisici e affidarsi alle attenzioni di commessi e personale addetto, difficilmente si sente a proprio agio in un acquisto online, che percepisce freddo poiché senza contatto umano.

Per questo Facebook muove già i suoi passi per ampliare partnership con fornitori di soluzioni aziendali di customer services e per implementare un servizio di hosting interno alla piattaforma per dare modo anche alle piccole realtà di “aprire” un’attività su WhatsApp e occuparsi di vendita prodotti e gestione del cliente in maniera molto semplice ed efficace.

 

Come funzionano gli acquisti in app

Con gli acquisti in app, la nuova funzionalità di WhatsApp, gli utenti che si apprestano ad avviare un contatto con l’azienda tramite WhatsApp Business trovano un pulsante per lo shopping accanto al profilo dell’account aziendale. Un cambiamento importante verso una user experience più fluida ed immediata.

Con la nuova feature basta fare tap sul pulsante “Shopping” ed il catalogo si apre davanti agli occhi dell’utente, con tutti gli articoli navigabili ed acquistabili. In questo modo grazie ai cataloghi i proprietari di piccole attività possono gestire gli ordini e fornire informazioni sui prodotti o servizi in vendita direttamente in chat; e i clienti possono controllare le disponibilità di quello che vogliono acquistare e prendere accordi con i venditori e in entrambi i casi senza mai lasciare la piattaforma.

Inoltre ad inizio dicembre 2020 WhatsApp introduce a livello globale la funzione “carrello” diventando sempre più simile ad un punto vendita.

Una piccola impresa ha a disposizione uno strumento per la vendita di più articoli alla volta (come ad esempio può succedere per un negozio di abbigliamento o per gli ordini di un ristorante) e gli utenti possono sfogliare il catalogo, selezionare quanti prodotti ordinare e inviare l’ordine con un singolo messaggio.

Grazie al carrello il venditore può quindi tenere traccia di quello che gli utenti ordinano e acquistano, avendo una panoramica delle richieste, utile per gestire al meglio le vendite.

 

Come utilizzare lo shopping button su WhatsApp

Per rendere disponibile il pulsante per lo shopping di WhatsApp ai tuoi clienti, devi avere un account registrato WhatsApp Business e aver impostato un catalogo. Una volta fatto questo, il pulsante di acquisto a forma di negozio appare automaticamente ai clienti accanto al nome dell’account in chat.

Toccando il simbolo si apre il catalogo con tutti i prodotti disponibili inseriti, l’utente può sfogliare e scorrere le immagini di ogni prodotto, infine selezionare ciò che interessa e scegliere di inviare un messaggio all’attività o acquistare.

WhatsApp Business offre anche l’opportunità di condividere il catalogo con i propri utenti tramite un link, ovunque.

I passaggi per condividere un catalogo su WhatsApp sono semplici ed intuitivi:

  • Aprire la chat con il cliente;
  • Cliccare sul simbolo degli allegati;
  • Selezionare la voce “catalogo”;
  • Seleziona i prodotti che si vogliono condividere, o l’intero catalogo;
  • Non resta che inviare.

 

Qr code su WhatsApp Business per velocizzare le comunicazioni

WhatsApp business: nuovi strumenti per le aziende

Un’altra feature interessante per gli account WhatsApp Business è il Qr code. Questo strumento permette di avviare una chat con un cliente o con un’azienda.

Immagina di essere il proprietario di un negozio di abbigliamento: stampa il tuo Qr code e posizionalo in vetrina; oppure inseriscilo nella grafica delle shop bag o nella ricevuta fiscale. Invita i tuoi clienti a scansionare il codice con la fotocamera dello smartphone per visitare lo shop su WhatsApp, e spiega loro come fare gli acquisti in app.

In questo modo l’interazione è immediata senza avere il bisogno di inserire i numeri in rubrica (provaci e ricorda di personalizzare il messaggio di benvenuto nello shop di WhatsApp!)

 

WhatsApp Pay: pagamenti via chat, l’e commerce del prossimo futuro

WhatsApp Pay è un’altra funzionalità molto interessante che la società di Menlo Park sta cercando di testare e lanciare: un sistema di pagamenti facilitato integrato nella piattaforma di messaggistica, in cui il numero di telefono è collegato al conto bancario dove sono accreditati/addebitati direttamente gli acquisti.

WhatsApp Pay è stato testato in Brasile, ma con scarso successo e da poco lanciato in India, 400 milioni di utenti e una certa familiarità con l’invio e la ricezione di pagamenti tramite app.

In questo video si può percepire quali saranno le vere potenzialità della feature se associata agli acquisti in app. Sarà possibile infatti contattare le aziende o dialogare con i clienti, selezionare i prodotti, fare un ordine, acquistare e pagare senza mai uscire da WhatsApp.

È davvero arrivato il momento di aprire un account WhatsApp Business, anche se si vocifera che tutti questi servizi non saranno gratis. Facebook addebiterà ai clienti business delle tariffe per poter continuare a sviluppare nuovi prodotti e mantenere gratuita l’app di instant messaging WhatsApp.

E per finire dopo aver fatto questo viaggio all’interno di WhatsApp Business riassumiamo quelli che sono i vantaggi nell’aprire un account.

 

I Vantaggi di aprire un account WhatsApp Business

  • Puoi pubblicare il tuo catalogo: c’è una sezione nel profilo della tua azienda per caricare i tuoi prodotti e alcune informazioni correlate, come prezzi, foto, brevi descrizioni e un collegamento alla scheda del prodotto sul tuo sito web.
  • Salva le risposte preimpostate: proprio come su Facebook Messenger, WhatsApp Business ti consente di creare messaggi preimpostati per rispondere ad alcune domande frequenti dei tuoi utenti.
  • Puoi segmentare i tuoi clienti: è possibile segmentare gli utenti con dei tag, ed è forse una delle risorse più utili.
  • Avere una panoramica delle statistiche: WhatsApp Business genera dei semplici report con metriche di base, come il numero di messaggi inviati, consegnati e letti, ma comunque utili per tracciare un profilo cliente e fare campagne di marketing mirate.

Articoli precedenti